A proposito delle disdette al Comune di Perugia

La Funzione Pubblica CGIL Provinciale di Perugia è in buono stato di salute e ha chiuso il tesseramento 2010 con un leggero incremento dei suoi iscritti. Lo diciamo per tranquillizzare chi in questi giorni si preoccupa per un “dissanguamento” delle organizzazioni sindacali, in particolare al Comune di Perugia, vicenda che “tiene banco” sui quotidiani locali nei quali si descrive una grave emorragia di iscritti.

Al di là dei toni trionfalistici e della solerzia con cui “qualcuno” si è affrettato a dare la notizia alla stampa, va precisato, per quanto riguarda la Fp-Cgl, che dei 22 iscritti in meno nel 2010 rispetto al 2009, 9 sono pensionamenti. Rimangono comunque 13 cancellazioni di cui non possiamo che essere dispiaciuti, disdette dovute certamente alla vertenza che abbiamo chiuso con un voto dei lavoratori. Una vertenza difficile, che si è protratta per troppo tempo e che, purtroppo, non ha portato per varie ragioni al risultato che molti speravano.

Per quello che ci riguarda e con la serietà che ci ha sempre contraddistinto, abbiamo iniziato al nostro interno un’analisi e una riflessione che continueremo a fare, al fine di recuperare un rapporto più proficuo con tutti i lavoratori anche con coloro che hanno ritirato la delega alla nostra Organizzazione.

Perugia, 17/2/2011
FP – CGIL Perugia
Il Segretario Generale
Ivano Fumanti
Comunicati stampa, News cgil Perugia, Notizie FP