Alleanza per l’Umbria: l’emergenza per il 2012 è il lavoro

Intervenendo giovedì 29 dicembre durante i lavori dell “Alleanza per l’Umbria”, il segretario generaleregionale della Cgil Mario Bravi, ha sottolineato che tenendo conto delle previsioni del D.A.P. per quanto riguarda l’economia della nostra Regione occorre concentrare gli interventi sull’emergenza lavoro.

Infatti, dopo un 2011 difficilissimo che ha visto aumentare e consolidarsi la crisi della nostra regione, sul versante occupazionale e del tessuto industriale, il D.A.P. prevede per il 2012, meno 0,3% sull’andamento del PIL umbro, meno 0,4% per quanto riguarda l’industria e meno 0,7% per quanto riguarda le costruzioni.

E dato che tutti gli studi di economia sottolineano che solo con un aumento del PIL del 2% si riesce a non perdere ulteriormente occupazione, i dati contenuti nel D.A.P. parlano di una situazione pesantissima, anche tenendo conto dell’andamento degli ammortizzatori sociali che coinvolgono 10.000 lavoratori a zero ore, oltre al complesso di 20.000 lavoratori umbri interessati alla C.I.G.

Occorre secondo la CGIL varare un pacchetto anticrisi e irrobustire lo strumento del piano per il lavoro per il 2012!

Questa è la priorità per l’Umbria, insieme alla difesa della coesione sociale e del welfare, che va preservato a tutti i costi, anche attraverso il reperimento di risorse con una tassazione di scopo.

Lavoro e welfare sono le priorità del 2012! Su questo dovrà caratterizzarsi l’iniziativa dell’Alleanza per l’Umbria.

30.12.2011

Comunicati stampa, News CGIL Umbria