Ast: la Rsu dice no a modifiche dei turni in questa fase

La R.S.U. di AST, dopo l’incontro dell’11 febbraio con la Direzione Aziendale in merito alla presentazione del “Piano Organizzativo di AST”, dichiara quanto segue:

Prendiamo atto dell’illustrazione del Piano odierno, che per una parte riafferma quanto già presentato a tutte le OO.SS circa un anno fa in merito al progetto di Riduzione dei Costi.

Registriamo rispetto alla voce del Personale ed assetti impiantistici una esigenza da parte della DA di abbassare le turnazioni in alcuni impianti dell’Area a caldo, giustificandolo con la perdita di volumi di black.

Il progetto non prevede esuberi diretti bensì operazioni di insourcing ed efficienze.

Come RSU di AST pur riconoscendo una difficoltà oggettiva nell’avere chiaro quali siano i futuri volumi ribadiamo la nostra contrarietà nel procedere in questo momento a modifiche di turnistiche e/o assetti impiantistici , coerentemente come espresso in più occasioni da tutti i livelli Sindacali ed Istituzionali.

Riteniamo che proseguire nella gestione fino ad oggi fatta con gli strumenti conosciuti sia la strada più corretta, in attesa della presentazione del Piano Industriale del Nuovo acquirente,

Fermo restando quanto sopra detto, invitiamo la DA ad avere in questa fase, un atteggiamento costruttivo e responsabile nell’affrontare le varie problematiche che possono verificarsi mantenendo la corretta gestione delle relazioni sindacali.

 

Terni 11 Febbraio 2014
R.S.U. di AST
Comunicati stampa, News cgil Terni, Notizie Fiom