Cassa integrazione: è sempre più emergenza in Umbria

Secondo i dati elaborati dall’Osservatorio nazionale della CGIL sulla Cassa Integrazione, nel mese di aprile aumenta il ricorso agli ammortizzatori sociali, rispetto al mese precedente.

E questo, nonostante i dati di fonte INPS non rappresentino appieno lo drammaticità della situazione, per la pesante sottovalutazione della cassa in deroga, tuttora non rifinanziata, nonostante gli impegni del Governo, e che in Umbria riguarda oltre 14.000 lavoratori.

E’ bene sottolineare che ogni lavoratore collocato in CIG, solo nei primi 4 mesi del 2013 ha già perso 2.600 € al di fuori del prelievo fiscale. C’è inoltre un aumento dei contratti di solidarietà, finalizzato a fronteggiare gli effetti negativi della crisi.

La nostra regione è fortemente coinvolta da questi processi, basti pensare che nella nostra regione, dai dati ufficiali, nel mese di aprile i lavoratori coinvolti dalla CIG sono 14.620, di cui 7.065 nella CIGO (ordinaria), 6.244 nella CIGS (straordinaria), 1.291 nella CIGD (deroga).

Però, come detto, la deroga è del tutto sottostimata, perché ci sono oltre 2.000 aziende umbre e altri 13.000 lavoratori che attendono di essere coperti e quindi andrebbero aggiunti ai dati già pesanti indicati prima.

Cogliamo l’occasione per invitare il Governo a coprire interamente le richieste necessarie che solo per l’Umbria richiederebbero 65 milioni di €, rispetto ai soli 28 certi. Quindi nella nostra regione c’è un’emergenza ammortizzatori sociali, che vanno assolutamente rifinanziati per evitare i licenziamenti.

L’altro dato, al tempo stesso indicativo e preoccupante, è quello sulla CIGS (straordinaria) che ha visto un’esplosione nella nostra regione, tant’è che le causali di ricorso a questo strumento sono aumentate del 100% rispetto all’anno precedente, collocando l’Umbria in testa alla graduatoria nazionale, con l’aumento percentuale più elevato.

Tutto questo richiede una profonda inversione della politica economica e sociale del nostro Paese che dia alla nostra regione la necessaria strumentazione per uscire da una crisi sempre più profonda e strutturale.

Per questo la CGIL ritiene necessario ripartire da un Piano del Lavoro per l’Umbria.

 

Perugia, 11 Maggio 2013
Mario Bravi
Segretario Generale CGIL Umbria
 
Lucia Rossi
Segreteria Regionale CGIL Umbria
 
Comunicati stampa, News CGIL Umbria