Cooperazione sociale, da Terni arriva un grido d’allarme

Ecco l’Odg approvato dall’assemblea provinciale dei delegati della cooperazione sociale Fp-Cgil. La manovra avrà “effetti gravissimi” sulla coesione sociale

L’Assemblea provinciale dei delegati e delle delegate della Cooperazione Sociale si è riunita il giorno 30 luglio per valutare gli effetti del D.L. 78 riguardante la riduzione dei trasferimenti alle Regioni ed alle AA.LL. sul versante della Sanità e dei Servizi Sociali.
Una manovra finanziaria che rischia di avere effetti gravissimi sulla coesione sociale e sui livelli di assistenza che le Aziende Sanitarie e i Comuni hanno finora garantito, pur in un quadro di riduzione di risorse che il governo ha portato avanti negli ultimi 2 anni.
La necessità di contrastare in ogni modo tale manovra è condizione indispensabile affinché si determini nella società civile una maggiore consapevolezza sui rischi di questa situazione.
E’ necessario che, già dal mese di settembre, inizi un confronto con l’Azienda Sanitaria e con i Comuni sulle conseguenze che la riduzione delle risorse comporterà per i Servizi Sociali e Sanitari che nel territorio provinciale vengono garantiti.
In tale situazione è ancora drammaticamente presente, ed all’ordine del giorno, il problema dei pagamenti da parte delle stazioni appaltanti pubbliche nei confronti delle Cooperative Sociali.
E’ necessario verificare il rispetto dell’accordo sottoscritto a gennaio 2010, con la garanzia della Regione dell’Umbria, tra ASL, Comuni di Terni, Narni, Amelia ed Orvieto, in riferimento all’impegno assunto per il piano di rientro dei debiti nei confronti della Cooperazione Sociale.
L’Assemblea dei Delegati da mandato alla Segreteria Provinciale affinché verifichi con gli Enti sopra citati la situazione relativa agli atti che sono stati compiuti, dalla firma dell’accordo alla data odierna.
I delegati e le delegate hanno confermato una situazione diffusa di incertezza finanziaria rappresentata da sospensione della retribuzione mensile, tagli ai profili orari degli operatori e dunque dei servizi.
La necessità che tale problema venga affrontato con senso di responsabilità e trasparenza, è condizione indispensabile affinché si possano determinare, pur in un quadro pesantissimo, possibilità di confronti che non portino necessariamente a conflitti sulle soluzioni che si dovranno adottare.

ASSEMBLEA PROVINCIALE
DEI DELEGATI/E DELLA COOPERAZIONE
SOCIALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA CGIL- TERNI

news, News cgil Terni, Notizie FP