Giovani NON + disposti a tutto: nasce il coordinamento Umbria

E’ nato il coordinamento regionale umbro dei “Giovani NON + disposti a tutto”, campagna lanciata dai giovani della CGIL addosso a molti altri giovani e a tutti quelli che l’ hanno letta, notata.

E’ nata con una provocazione anonima. Bene, adesso non è più anonima. Ma rimane una provocazione, questo sì. Una denuncia per dare un nome alle cose. E la realtà dei giovani che cercano lavoro ha nomi molto precisi: umiliazione, sfruttamento, frustrazione, rabbia. Rabbia, ecco il punto. La campagna è stata pensata per appoggiarsi sulla rabbia che già esiste e costruire qualcosa. Insieme, perché ciascuno da solo non si salva. Per trasformare la rabbia in cose molto concrete. Cose migliori di quelle che vediamo e che viviamo.

Adesso la campagna vuole diventare rete, vuole essere proposta e azione, articolandosi in nodi locali, aperti a tutti.

Il neonato coordinamento umbro ha eletto due referenti, Enrico Bruschi, per il nodo di Perugia e Valeria Masiello, per quello di Terni.

 

 

 

News CGIL Umbria