Governo in bilico, pensionati in piazza

Vista la delicata situazione politica che si è venuta a creare le Organizzazioni sindacali Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil hanno deciso di sospendere il presidio nazionale dei pensionati che si sarebbe dovuto tenere domani mattina al Pantheon a Roma.

Sono confermati invece tutti i presidi organizzati a livello territoriale davanti alle Prefetture e ai Comuni.

A Perugia e Terni i sindacati dei pensionati saranno davanti alle prefetture dalle ore 10:00 dove incontreranno i prefetti ed effettueranno volantinaggi per spiegare le ragioni della protesta dei sindacati.

“I pensionati scenderanno ancora una volta in piazza perché non ne possono più delle politiche di rigore messe in atto fino ad adesso. In tanti diremo che è ora che si intervenga per tutelare i redditi da pensione, per rilanciare welfare e sanità, per ridurre il peso del fisco e per affrontare la questione irrisolta della non autosufficienza”, afferma Oliviero Capuccini, segretario generale dello Spi Cgil dell’Umbria.

 

 

 

Comunicati stampa, Notizie SPI