Gubbio: serve un confronto sulle politiche sociali

I pesanti tagli ai trasferimenti fatti dal Governo, nella recente manovra di Agosto e ancora prima i tagli lineari delle manovre negli anni precedenti, nei confronti di Regioni, Provincie ed enti locali rischiano se non adeguatamente contrastate un drastico ridimensionamento del Welfare Locale ed un indiscriminato ed iniquo aumento della pressione fiscale e delle tariffe che peseranno sempre più sui redditi dei lavoratori dipendenti e pensionati.

Questi effetti pesanti per le scelte sbagliate del Governo di Centro Destra rischiano di pesare molto di più nelle realtà come quelle di Gubbio e dei comuni dell’Umbria che hanno creato un sistema di protezione sociale che ha permesso in questi anni di dare risposte alle problematiche sociali e garanzia di diritti di cittadinanza e fonte anche di sviluppo territoriale.

E’ necessario per la CGIL, anche in questa fase difficilissima che con le amministrazioni comunali locali ad iniziare dal Comune di Gubbio che sta iniziando una discussione complessa, si attivino confronti, per una riqualificazione del welfare locale, per la riorganizzazione della spesa pubblica, riducendo gli sprechi e le destinazioni improprie, per favorire la coesione sociale e rispondere a domande sempre più complesse, partendo dalla centralità delle persone con il lori bisogni e con i loro diritti.

La stessa discussione che il Comune di Gubbio opportunamente intende affrontare riguardante la Società Partecipata Gubbio Cultura Multiservizi deve essere l’occasione non solo di un coinvolgimento delle parti sociali,ma anche l’occasione di un approfondimento e di strutturare forme di servizi che siano funzionali alla Città ed occasione di lavoro qualificato evitando soluzioni traumatiche che rischiano di ricadere su chi lavora.

La Cgil unitamente alle altre organizzazioni sindacali Cisl Uil si farà promotrice di una richiesta di incontro con la stessa Amministrazione Comunale non solo per discutere delle linee di indirizzo del bilancio per il 2012, come è stato fatto negli anni passati, ma anche per confrontarsi, concertare e contrattare con la amministrazione comunale di Gubbio politiche e azioni che intervengano sulle disuguaglianze e per lo sviluppo territoriale.

Gubbio 16 11 2011

CGIL alta Umbria
Alessandro Piergentili
news, News cgil Perugia