Immigrazione: no click day, il sistema non funziona

Il patronato INCA CGIL denuncia “i continui blocchi del sistema informatico delle domande di nulla osta al lavoro per il decreto flussi 2010”. A pochi giorni dall’ avvio della procedura telematica, gli uffici del Patronato si trovano nella “impossibilità di supportare quei datori di lavoro che, pur in un momento così difficile sul piano occupazionale, fanno richiesta di assunzione di manodopera straniera”.

Per questi motivi, secondo l’INCA CGIL, il click day, in programma per il 31 gennaio, deve essere rinviato. “Questa situazione inaccettabile – spiega Morena Piccinini, presidente dell’INCA – sta creando gravi disagi agli utenti, all’organizzazione del lavoro degli uffici e alla stessa immagine del Patronato”. Fra l’altro, “nonostante le preoccupazioni espresse più volte dopo le esperienze passate nelle scorse edizioni, il Patronato non è mai stato coinvolto in nessun confronto che aiutasse l’avvio regolare dell’inoltro telematico delle richieste. Nell’unico incontro, che si è tenuto il 12 gennaio, a 5 giorni dall’avvio della procedura, il Ministero degli Interni si è limitato ad illustrare le modalità tecniche del sistema informatico, senza dare la possibilità ai Patronati di intervenire nel merito”.

“A questo punto – avverte Piccinini -, nel ribadire che ancora una volta questo Governo mentre pretende il rispetto delle regole da parte degli immigrati, agisce senza alcun riguardo verso gli immigrati stessi e i patronati, che si sono impegnati ad agevolare e ad aiutare i datori di lavoro nell’ inoltro delle domande. Per questa ragione, visti i pochi giorni mancanti per il primo click day e il perdurare del disservizio, denunciamo che viene a mancare il tempo indispensabile per poter istruire adeguatamente le domande di gestione dei flussi. E’ indispensabile che il Ministero si faccia carico di questa situazione, sospendendo l’intera procedura, prorogando i termini per i click day, fino a quando non sarà in grado di garantire la ripresa dell’operatività senza alcun blocco”.

19 gennaio 2011
da www.cgil.it
news, News Servizi