Made in Terni: il documento finale dell’attivo della Siderurgia approvato all’unanimità

Si è svolto oggi 20 maggio 2015, l’attivo dei delegati operanti all’interno della siderurgia alla presenza delle Segreterie Nazionali di Categoria e Territoriali.
L’attivo dei delegati approva la relazione e le conclusioni e conferma l’importanza di aver svolto questa iniziativa con l’obiettivo di fare il punto della situazione rispetto alle questioni del Gruppo ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni. Questo appuntamento è ancora più importante tenuto conto delle tante voci e della Relazione trimestrale di ThyssenKrupp rispetto alla cessione di Vdm, che in questi giorni si sovrappongono, molte delle quali non veritiere che non rispecchiano fedelmente quello che sta succedendo all’interno dello stabilimento.
L’attivo dei delegati riconferma che l’accordo del 3 dicembre 2014 al Mise rappresenta la base di ripartenza delle produzioni ternane e ha consentito di mettere in sicurezza l’attuale assetto impiantistico. Lo stesso accordo ha visto diversi momenti di verifica rispetto ad alcune tematiche relativamente ad ambiente, commerciale, volumi per poi interrompersi su appalti, materie prime, andamento economico, assetto impiantistico ed occupazionale.
Nel ribadire che come Organizzazioni Sindacali, rivendichiamo un adeguato livello d’informazione ritenendo incomprensibile l’interruzione del confronto avvenuta nel mese di Febbraio in merito all’andamento economico, produttivo, di assetto impiantistico ed occupazionale. Evidenziamo che ad oggi non c’è stata risposta positiva a nessuna nostra richiesta di incontro per approfondire tematiche relative agli appalti, alle società controllate e alle future prospettive del Sito siderurgico.
E’ ormai prossima la scadenza per la verifica al Ministero dello Sviluppo economico sul quale attendiamo una puntuale attenzione. Rimaniamo stupiti, dopo molteplici sollecitazione che, ad oggi, ciò avvenga nel silenzio di quasi tutta la politica tutta che ha assunto un atteggiamento rassicuranti rispetto ai segnali e ai messaggi incoraggianti dispensati dall’Amministratore delegato di AST.
Riteniamo indispensabile la partecipazione ed il coinvolgimento dei lavoratori che sono di fondamentale importanza per consolidare e rilanciare la storia industriale di questo territorio. In mancanza di risposte sarà necessario assumere delle iniziative conseguenti.
L’attivo dei delegati ritiene fondamentale che:
• si riattivi un percorso a livello europeo che coinvolga politica, sindacato europeo e multinazionale per discutere del consolidamento, sviluppo e prospettive future delle produzioni di acciaio inossidabile ternane in Europa;
• il Governo italiano favorisca la difesa delle produzioni strategiche come quella dell’inossidabile italiane e che contestualmente convochi il tavolo ministeriale come da noi richiesto e come previsto dall’accordo al Mise, in quanto il Governo si è fatto garante rispetto agli impegni presi da ThyssenKrupp;
• l’insieme della politica, a tutti i livelli, compreso quello territoriale, esca dagli spot della campagna elettorale facilitando un reale percorso di costruzione di un confronto serio e costruttivo al fine di affrontare i temi relativi alle vicende siderurgiche con l’obiettivo di consolidare rilanciare e sviluppare quanto costruito nel comprensorio territoriale.

Come Organizzazioni sindacali all’indomani delle prossime elezioni siamo disponibili ad un confronto immediato sui temi in oggetto con una caratteristica di merito senza strumentalizzazioni di contenuto.
Terni, 20 maggio 2015

News cgil Terni, News CGIL Umbria, Notizie Fiom