Orvieto: 140 posti di lavoro a rischio

Martedì primo marzo si è svolto un incontro tra le organizzazioni sindacali, rappresentate da Maria Rita Paggio Responsabile della Camera del Lavoro di Orvieto, Paolo Sciaboletta Segretario della Fillea Cgil di Terni e Enrico Borri Segretario Generale Regionale della Filca Cisl, e le proprietà delle aziende Icer srl, Calcestruzzi 90, Biagioli Roberto e R.B Inerti, operanti nel settore edile e lapideo che impiegano circa 100 addetti nel comune di Orvieto e dell’azienda Pref System s.r.l. di Baschi produttrice di prefabbricati in cemento nella quale sono inforza 40 addetti; nel corso dell’incontro è stata rappresentata una situazione di grave crisi finanziaria dell’intero gruppo che pur a fronte di un significativo portafoglio di commesse, non è in condizione di far fronte agli impegni nei confronti dei lavoratori e dei creditori per mancanza di liquidità.

Liquidità che ad oggi non è stato possibile reperire attraverso il sistema del credito o quantomeno non nei tempi necessari alle aziende per poter operare sul mercato.

Tale situazione fa temere la sopravvivenza stessa delle aziende, con la conseguente possibile perdita di tutti i posti di lavoro;

Considerato che il territorio orvietano sconta una situazione di crisi, soprattutto occupazionale, particolarmente grave è stata inoltrata alle Istituzioni la richiesta di un incontro urgente al fine di verificare ogni possibile intervento finalizzato a salvaguardare i livelli occupazionali.

“Si tratta di una situazione di estrema gravità per il settore, che perde alcuni pezzi storici di industria, e per il territorio Orvietano che oltre a vedere 140 posti di lavoro, un’enormità, messi a repentaglio, avrebbe ulteriori ripercussioni occupazionali molto significative anche nell’indotto”, è il commento di Andrea Farinelli, segretario generale della Fillea Cgil di Terni. “A fronte di questa situazione – continua Farinelli – non c’è niente di peggio dell’incertezza che continua ad avvolgere tutta la vicenda. Per questo crediamo che sia necessario trovare uno sbocco rapido, non escludendo il possibile coinvolgimento di altre forze dell’imprenditoria locale”.

2 marzo 2011
CGIL Camera del Lavoro di Orvieto
FILLEA CGIL Terni
FILCA Cisl Terni
Comunicati stampa, News cgil Terni, Notizie Fillea