Pio La Torre: una vita per il lavoro e contro la mafia

La Cgil Umbria e l’associazione Libera sono liete di annunciare che venerdì 15 giugno alle ore 17,00 si terrà un’incontro pubblico, presso il Salone d’onore do Palazzo Donnini, per ricordare la figura di Pio La Torre, il leader storico del PCI siciliano assassinato il 30 aprile 1982 a Palermo dalla mafia. A trent’anni dalla sua scomparsa la lezione lasciata da Pio La Torre si è sempre mantenuta attuale e determinante per la lotta alla criminalità organizzata: fu lui il primo a presentare al Parlamento una proposta di legge che prevedeva l’introduzione del reato di “associazione mafiosa” nell’ordinamento italiano  ed una norma che prevedeva la confisca dei beni dei mafiosi. Tale proposta è stata poi introdotta nel nostra legislazione tramite la Legge 109/96. Non di minore rilevanza è stata la sua battaglia contro la costruzione della base missilistica Nato di Comiso che secondo lui costituiva una minaccia per il Mediterraneo e per la Sicilia stessa

Al dibattito pubblico che si terrà a Palazzo Donini parteciperanno il segretario regionale della Cgil Umbria Mario Bravi, il presidente della Cooperativa Libera Terra di Corleone, Salvo Gibiino, e Giuseppe Carlo Marino, storico dell’Università di Torino che discuteranno della figura del grande uomo politico siciliano con Vincenzo Vasile, giornalista e coautore del libro Pio La Torre (2012).

La discussione sarà coordinata da Salvatore Lo Leggio, attivista di Libera Umbria.

Ufficio Stampa Cgil Umbria, 11/06/2012

Comunicati stampa, Legalità, news