Piselli, la nuova proprietà è latitante

La Segreteria Regionale della Flai Umbria e la R.S.U. dello stabilimento ex Piselli di Pierantonio esprimono forti preoccupazioni per la situazione che si sta andando a determinare in fabbrica. La scorsa settimana la delegazione sindacale è stata presente nello stabilimento continuamente, con lo scopo di rappresentare un punto fermo per i lavoratori e per ricercare soluzioni ai numerosi problemi che venivano sollevati, quindi per facilitare l’avvio dell’attività. Questo nostro impegno viene vanificato da un atteggiamento superficiale ed elusivo dell’azienda, completamente assente dalla fabbrica.

Oggi, lunedì 8 novembre, in fabbrica non era presente nessun responsabile delle nuove aziende.

I lavoratori sono rimasti a svolgere le proprie mansioni in un’atmosfera surreale, determinata dalle notizie di messa in discussione della produzione per questioni legate agli approvvigionamenti, in quanto la proprietà non ha ancora concretizzato la volontà espressa al tavolo negoziale ed Istituzionale di sviluppo produttivo. I lavoratori stanno ancora una volta dimostrando senso di responsabilità. Ad una settimana dall’insediamento della nuova proprietà, l’accordo, sottoscritto in Confindustria – che intendiamo richiamare al proprio ruolo -, non è stato applicato in tutte le sue parti. Intendiamo dunque richiamare tutti i firmatari dell’accordo a dare risposte concrete, se si vuol dar seguito a quanto scritto e preventivato. L’imprenditore Felice Moretti rispetti gli impegni presi nei confronti dei lavoratori, che da soli stanno mandando avanti l’attività produttiva. La Flai Cgil metterà in campo tutte le azioni utili a far rispettare l’accordo nella sua interezza, monitorando passo dopo passo, tutte le fasi previste dall’accordo.

8 novembre 2010

Flai Cgil regionale Umbria

Comunicati stampa, News cgil Perugia, Notizie Flai