Sdf: il salario va salvaguardato

Il 22 Novembre 2012 si è svolto un incontro presso la sede della Società delle Fucine tra la Direzione Aziendale, le Segreterie Territoriali e la RSU di SDF.
L’Amministratore Delegato di SDF ha illustrato le azioni possibili da intraprendere per superare lo stato di difficoltà che il mercato riserva all’azienda vista l’attuale sovraccapacità produttiva a livello mondiale, evidenziando il rafforzamento dell’apparato commerciale per il consolidamento e la ricerca di nuovi clienti.
Rispetto ai livelli di produzione per il futuro non si prevedono scenari diversi dall’attuale situazione e la sfida che la Società delle Fucine intende adottare è quella di una politica volta alla riduzione dei costi per adeguare l’offerta dei prodotti agli attuali prezzi di mercato.
Tra le proposte messe in campo l’azienda prevede l’accorpamento di alcuni reparti di AST interessati alle attività di SDF ( Colaggio Sottovuoto e Officina Meccanica) e la flessibilità interna dei reparti Meccanica e Fucinatura con relativa formazione e riorganizzazione del Personale riproponendo anche per il 2013 l’applicazione del Contratto di Solidarietà.
Le O.O.S.S. e le RSU ritengono importante il rafforzamento dell’ente commerciale per consolidare la presenza dell’azienda sul mercato mondiale, altresi esprimono perplessità riguardo alle attività di insourcing di cui prendono atto, e ritengono che l’eventuale discussione vada affrontata anche con le RSU di AST considerato interlocutore interessato.
Le O.O.S.S. rigettano l’applicazione di una flessibilità eccessiva ed improvvisata, che non rispetti gli accordi sull’organizzazione del lavoro ad oggi concordati.
Rispetto all’applicazione del Contratto di Solidarietà si evidenziano criticità nella gestione del personale che non sono riproponibili per il 2013;  le Organizzazioni Sindacali non sono disponibili ad ulteriori riduzioni di salario che va salvaguardato anche attraverso accordi aziendali esigibili.
Il contesto generale in cui si trova tutto il gruppo AST, interessato da un processo di vendita, impone una riflessione che supera ogni ipotesi di riorganizzazione vista la totale incertezza rispetto agli scenari futuri che necessita di accordi che gestiscano il periodo di interregno fino alla conclusione della vendita che deve vedere protagonista  il Governo Nazionale e la Multinazionale Outukumpu.

Le Segreterie Territoriali
RSU di SDF

News cgil Terni, Notizie Fiom