Tagina: soluzione possibile, ma bisogna fare in fretta

Parziale soddisfazione dall’incontro del 10 settembre al Ministero del Lavoro. Le premesse sono buone e c’è la volontà di trovare una soluzione che potrebbe essere a portata di mano.
Il governo sta lavorando affinché l’accordo di programma per la Merloni possa essere trasformato nello strumento di area di crisi complessa. In questo modo si dovrebbe sbloccare lo stop alla concessione della Cigs per i lavoratori Tagina.
Le risorse, qualche centinaia di migliaia di euro, verrebbero recuperate dal plafond a disposizione della Regione Umbria per la gestione tra l’altro, della crisi complessa per l’area Terni/Narni, che ammontano a quasi nove milioni di euro.
Prospettata la soluzione tecnica, diventano ora dirimenti le tempistiche per attuarla.
Ribadiamo infatti che da agosto i lavoratori, circa cinquanta su un totale di centocinquanta, non percepiscono stipendio, ne hanno copertura contributiva. Ed è per questo che bisogna in fretta trovare una soluzione.
Con le istituzioni si è quindi convenuto che tutte le novità che potrebbero arrivare, verosimilmente entro l’ultima settimana di settembre, saranno subito oggetto di confronto con il sindacato.

 

Roma, 10 settembre 2018 

Comunicati stampa, Notizie Filctem