Terexlift: la contrattazione paga, anche in tempi di crisi

La Terexlift di Umbertide è una media azienda che considerando anche i lavoratori a contratto e i lavoratori con contratto di somministrazione, dà lavoro complessivamente a circa 210 lavoratori, oltre ad un consistente volume di lavoro esterno che viene prodotto nelle aziende del territorio umbro-toscano e che in termini occupazionali eguaglia i valori interni.

L’Azienda opera nel settore delle macchine sollevatrici per l’edilizia, fa parte di una importante multinazionale americana, con vari stabilimenti e sedi operative in Europa.

Negli ultimi tre anni la Terexlift ha accresciuto volumi produttivi e fatturato, sulla spinta della ripresa del mercato americano su cui opera e commercializza principalmente i sui prodotti.

Valorizzando le idee e le professionalità dal suo interno, ha avviato un importante impegno per sviluppare nuovi prototipi di macchine che possano incrementare la gamma dei prodotti per essere all’avanguardia dal punto di vista tecnologico e di innovazione per mantenersi leader nell’ambito della propria fascia di mercato.

Il buon andamento aziendale ha permesso di avviare un proficuo confronto di contrattazione tra impresa e dipendenti, rappresentati dalla RSU e dalla FIOM-CGIL, che nei giorni scorsi ha portato a definire importanti risultati per i lavoratori.

Il primo e significativo esito è l’assunzione a tempo indeterminato di 18 giovani lavoratori precari che, a seguito dell’accordo, hanno stabilizzato il proprio rapporto con l’azienda;

il secondo risultato importante è la definizione di un accordo per il premio di risultato che può erogare ad ogni singolo lavoratore circa 1.000€ annui da aggiungere al salario nazionale;

il terzo risultato è la determinazione che a decorrere dal mese di aprile 2014 ai lavoratori verrà erogato un buono pasto di circa 5€ per ogni giorno di presenza al lavoro;

infine è ancora in atto, si concluderà nei prossimi giorni, un confronto tra RSU e Direzione aziendale per la definizione dell’inquadramento per una ventina di lavoratori che in base alle mansioni svolte, alla crescita professionale avuta possono beneficiare di un passaggio di livello che sia corrispondente alla loro professionalità.

La FIOM-CGIL di Perugia valuta molto positivamente la contrattazione che grazie alla RSU e ai lavoratori si è sviluppata con la Direzione Terexlift, anche perché in questo periodo di crisi ogni risultato positivo può essere un simbolo di speranza, ma soprattutto uno stimolo per riaffermare che l’azione del sindacato, l’impegno delle RSU e dei lavoratori sono determinanti per migliorare le condizioni di vita e di lavoro.

Comunicati stampa, Notizie Fiom