Terni: i lavoratori di polizia fanno sentire la propria voce

Il SILP CGIL di Terni ha indetto una Assemblea Generale il giorno 14 marzo 2012, che si terrà in Questura dalle 12.00 alle 14.00 (sala riunioni). Tale incontro aperto a tutti gli Uffici della Polstato della Provincia di Terni, vedrà la partecipazione di esponenti della Segreteria Nazionale e Regionale.

Durante l’incontro si discuterà tra l’altro dell’ennesimo voltafaccia del Governo nei confronti della categoria, infatti sembrerebbe che l’attuale esecutivo vorrebbe innalzare fino a tre anni il limite di età per accedere alla pensione di vecchiaia – innalzare il limite di età e ridurre la contribuzione figurativa per accedere alla pensione anticipata – ma più in generale determinare un peggioramento delle condizioni di accesso alla pensione, dimenticandosi di aver promesso tre mesi fa la tutela della “Specificità” degli operatori del comparto sicurezza.

Il SILP CGIL è il Sindacato della Polizia di Stato che crede nei valori Confederali e per questo abbiamo il dovere di spiegare perché la nostra categoria si sente sempre più dimenticata; manca il personale, l’età media dei colleghi impiegati nei servizi di prevenzione come le Volanti è di 45 anni, mancano risorse (auto – moto – mezzi e strumenti di ogni tipo), siamo costretti a lavorare in uffici sporchi e insalubri, causa mancanza di fondi per le pulizie. Per avere la benzina siamo dovuti scendere in piazza, molte delle nostre strutture sono insicure per mancanza di adeguate misure di difesa passiva. Per ultimo il decreto “Svuota Carceri” – assurdo anche per mera concezione in un momento di crescente attività criminale, con l’aumento di furti e rapine – di fatto ci obbliga alla vigilanza degli arrestati, fino al giorno del rito davanti al giudice, sottraendo l’insufficiente personale al servizio di prevenzione.

Riteniamo inammissibile anche immaginare una Polizia efficace e determinata a prevenire e contrastare le quotidiane quanto sempre più spesso drammatiche azioni della criminalità, come quella recente ed orribile della rapina a Perugia, nelle condizioni attuali di personale e di mezzi e per l’assenza di motivazioni e aspettative concrete, che in ogni attività come nel lavoro sono ovviamente fattori determinanti.

Con una Amministrazione che raramente ammette i propri limiti, e che da un lato tenta di minimizzare la carenza di risorse, mentre dall’altro si trova costretta a chiedere ai sindacati deroghe al Contratto Nazionale di Lavoro, il SILP CGIL, con coerente realismo, continuerà la propria opera per dare risposte concrete ai colleghi ed a coloro che credono ancora nelle Istituzioni.

13 marzo 2012

La Segreteria Provinciale

Comunicati stampa, News cgil Terni