Todi: tentano di escludere la Cgil dai tavoli

Ci siamo puntualmente presentati, in data 13/6/2011, all’incontro sindacale convocato dall’Amministrazione Comunale di Todi, per riprendere la discussione sull’organizzazione del lavoro serale, legato al periodo estivo, della polizia municipale.
Con notevole sorpresa, abbiamo appreso dal Sindaco, nella sua introduzione, che su questa specifica problematica, alla totale insaputa della CGIL, non solo CISL – UIL e CSA, avevano proclamato lo stato di agitazione, ma che addirittura si era già consumato il tentativo di conciliazione presso la prefettura di Perugia.

Azioni queste, delle altre Organizzazioni, che ormai non ci meravigliano più e che dimostrano solo la coerenza in Umbria come a Roma dove il metodo è sempre lo stesso: escludere la CGIL dai tavoli di trattativa!
Lo sappiamo, siamo un sindacato scomodo per tutti, per le altre Organizzazioni e anche per le controparti, ma questa volta in ballo non c’è la diversità delle opinioni o delle idee che, come sosteniamo da sempre, vanno poi sottoposte al giudizio dei lavoratori, ma una correttezza e un rispetto reciproco sul quale non transigiamo affatto.

Ai lavoratori interessati diciamo di diffidare da chi, pur di accaparrarsi una delega in più si presenta come “il salvatore della patria”, promettendo a destra e a manca, facendo finta che per quello che riguarda i dipendenti pubblici tutto sia come prima dei cosiddetti decreti Brunetta.

Il blocco dei contratti, della contrattazione decentrata, l’impossibilità di implementare il fondo del salario accessorio a partire da gennaio del 2011, non sono invenzioni né delle Amministrazioni Locali, tantomeno della CGIL, che è stata la sola Organizzazione che ha contrastato questi provvedimenti con la mobilitazione e con la lotta, mentre altri invece plaudivano e continuano ancora a farlo alle scelte del Governo.

Per quello che ci riguarda continueremo ad essere il sindacato di sempre e a svolgere il nostro ruolo in tutti i posti di lavoro, quindi anche al Comune di Todi, dove la CGIL, insieme ai delegati aziendali anche di altre organizzazioni che si sono susseguiti nel tempo, ha garantito ai lavoratori tutti, ma soprattutto agli addetti della Polizia Locale, una contrattazione degna di tutto rispetto.
E’ con questo spirito che daremo il nostro contributo per una conclusione positiva anche di questa vicenda, ma senza ricorrere a scorciatoie, nel pieno rispetto delle Leggi, dei Contratti di lavoro e dentro una omogeneità di trattamento che sia per tutti i lavoratori dell’Ente.
Perugia 13/6/2011

FP – CGIL Perugia
Il Segretario Generale
Ivano  Fumanti

Comunicati stampa, Notizie FP